Tagliatelle di grano arso con pesto di radicchio e gorgonzola

Mi vedete? Si sono qui inginocchiata sui ceci, si sto soffrendo un pochino ma non troppo, i ceci sono freschi :-).

Ebbene mi devo confessare sono una delle pochissime food blogger che non ha mai fatto la pasta fresca in casa, la mangio, mi piace da impazzire ma qui il maestro indiscusso è Paolo (questo blog sta diventanto troppo famigliare 🙂 ). Ogni tanto torna alla sera dal lavoro e dice “facciamo la pasta fresca?” e tic, tuc, tac la pasta e fatta e per le 20.00 si cena, ma non si poteva più continuare così era quasi vergognoso per il mio orgoglio ferito e così, un pomeriggio di qualche settimana fa ho preso il coraggio a 10 mani e ho provato anche io a fare questo miracolo e… wallà la pasta fresca è fatta e che pasta fresca, pure di un colore insolito e con un sapore tutto da provare.

La ricetta per la pasta l’ho spudoratamente copiata da Federica, dovevo andare sul sicuro e per fortuna sono circondata da bravissime amiche blogger che sanno il fatto loro, qui non ho cambiato nulla :-), ho solo raddoppiato le quantità.

Ingredienti per la pasta (quantità abbondante per 6 persone)

220 gr semola rimacinata di grano duro Molino Rossetto
80 gr farina di grano arso Molino Rossetto
4 uova

Pesto al radicchio e gorgonzola

1 cespo di radicchio rosso
150 gr di gorgonzola
Una manciata abbondante di mandorle pelate
Olio extravergine di oliva q.b.
Sale fino integrale q.b.
Acqua di cottura della pasta per allungare il pesto

Preparazione

Prepariamo la pasta: Disponete le farine e il sale nella planetaria e con il la frusta mescolate bene fino a quando la farina sarà di un colore omogeneo, poi aggiungete le uova e cambiate il gancio con quello per impastare, io ho impastato per circa 7 minuti, poi togliete dalla planetaria, dategli una forma a palla e spolveratela con la farina di semola. Lasciatela riposare per 20 minuti a temperatura ambiente. Quando si sarà riposata con la macchina della pasta preparate le tagliatelle o i tagliolini o gli spaghetti, il formato lungo che più vi piace e lasciatela asciugare sullo stendi pasta. Ora prepariamo il pesto di radicchio. Lavate esternamente le foglie, di solito all’interno non sono sporche e tagliate sottilmente. In un bicchiere da mixer ad immersione, mettete il radicchio, il gorgonzola, le mandorle, il sale e l’olio e frullate fino a quando diventerà una crema densa e quasi liscia, io ho voluto dare un aspetto un pochino rustico e non ho frullato tantissimo. A questo punto lessate la pasta e diluite il pesto con poca acqua di cottura. Quando la pasta sarà cotta condite con il pesto di radicchio e gorgonzola e servite.

Devo dire che sono rimasta soddisfatta, un gusto rustico per entrambi gli ingredienti, ora che ho rotto il ghiaccio non mi fermerà più nessuno e la pasta fresca non sarà più un ostacolo per me!

Vi auguro un sereno fine settimana, per me sarà meraviglioso, con la mia amica Silvia andrò a far compere in quel paradiso terrestre che si chiama Zodio, poi vi racconterò!

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

46 comments on “Tagliatelle di grano arso con pesto di radicchio e gorgonzola

  1. Ely mi fai morire!!! Ahahah l’orgoglio ferito dove ci porta, vero? Le tue tagliatelle sono bellissime e condite con quel pesto chissà che buone! Mi hai ricordato che è da troppo tempo che non faccio la pasta fatta in casa, devo rimediare anche io 😉
    Un bacio grande buona giornata!

  2. Io invece la faccio spesso la pasta fresca… sopratutto se ho le uova fresche! Il grano arso l’ho scoperto da poco…. e ci ho già fatto pane e pizza… ma la pasta non ci avevo proprio pensato! Deliziosa e condita con questo pesto mi stuzzica ancora di più! A presto LA

    1. Ciao Laura ora che ho iniziato non mi fermo di sicuro, con il grano arso ho fatto anche una focaccia deliziosa che posterò presto, è una farina affascinante 🙂 Un bacione e grazie!

  3. beh…che dire, se non che sei sulla buonissima strada!!la ricetta è sicuramente meravigliosa e viene da un’amica che è una garanzia,per tutte noi,altrettanto brava sei stata tu…complimenti e felice giornata 😉 baci

  4. 10 MANI PER ME NON SAREBBERO SUFFICIENTI, MA CI Arriverò PRIMA O POI, ALMENO SPERO. LE TUE TAGLIATELLE SONO STUPENDE E IL CONDIMENTO MI PIACE TANTISSIMO. LA PROSSIMA VOLTA AGGIUNGERO’ ANCH’IO IL GORGONZOLA AL PESTO, DEVE STARCI GRAN BENE. COMPLIMENTI ELY, OTTIMO PIATTO. BACIONI

    1. Lisa ma allora anche tu sei come me, meno male non mi sento sola, ma se l’ho fatta io la puoi fare anche tu!!!! Il gorgonzola con il radicchio ci sta benissimo prova, un abbraccio e grazie!

  5. Anche io sono molto pigra sul fare la pasta in casa…sarà che da sempre amo quella secca, però mi hai fatto venire voglia di provarci…
    Il grano arso ce l’ho e mi hai anche dato una bella idea su come utilizzarlo!
    Ti farò sapere…
    …buone spese e a presto!

  6. Visto che non è difficile? è una questione di tradizioni. Qua dalle mie parti si fa sempre ma vedo che per esempio a Bergamo nessuno la fa perchè non è di tradizione. Comunque secondo me è una bella soddisfazione mangiare la propria pasta vero? Avevo comprato l’anno scorso in puglia un sacchetto di grano arso e me ne ero innamorata. E’ da un po’ che non lo uso, devo rimediare. Il suo sapore affumicato deve stare benissimo con il gorgonzola

  7. Per essere una che non la prepara mai, ti è venuta una meraviglia, direi “da manuale” :-))
    Tu pensa che io, pur essendo emiliana, la preparo poco.
    Un bel piatto di tagliatelle, bravissima!
    Un bacio

    1. Grazie Lilli i vostri complimenti mi fanno molto piacere, devo dire che non è neanche difficile basta solo avere l’estro di mettersi a farla 🙂 anzi quasi quasi domani se ho tempo ne faccio una nuova versione! Un bacione e ancora grazie!

  8. Bravissima cara Ely, bellissime le tagliatelle e fantastico il pesto che con l’aggiunta del gorgonzola deve essere una favola!!!
    Visto il risultato sono sicura che con la pasta fresca non ti ferma più nessuno!!!
    Baci

  9. Ciao Ely per assurdo trovi pane alla farina di canapa e anche qualcuno che fa le pizze ma nessuno conosce il grano arso e nemmeno perchè si chiama cosi. Ottimo questo piatto mi piace l’insieme spero di trovare questa farina come tante altre cosi in giugno quando vado in campeggio in Austria li si trova tutto o quasi. Buona fine settimama intanto me la segno.

  10. Ciao Ely! Ti dirò che io la pasta in casa l’ho fatta spesso, ma ultimamente meno, e un po’ mi dispiace. E’ solo che quando sei sempre lì che rincorri il tempo e conti i minuti, tutto diventa un filino più complicato. La farina di grano arso è buonissima e appartiene alla mia cultura culinaria. Qui da me ci facciamo tantissime cose, anche il pane, la pizza e la focaccia 🙂 Mi piace tantissimo la tua ricetta, gustosissimi gli abbinamenti di sapore 🙂 Un abbraccio e buon weekend :*

  11. Oh mamma che visione celestiale! Oh insomma la pasta con il grano arso la devo proprio provare e il tuo pesto è favoloso! Io poi sono drogata di gorgonzola che con il radicchio si sposa alla perfezione in un golosissimo matrimonio d’amore. Un bacione

  12. Ebbrava Eli ! Non ci si può far superare dai mariti…no…no…no. La farina di grano arso l’ho ricevuta in dono tra tante altre come vincita di un contest. La uso per fare i crackers con gli esuberi di pasta madre. Ma ne metto massimo il 10% del peso della farina di grano perchè troppo forte come sapore.

    1. Cristina hai detto bene 🙂 non sia mai!!!! A noi il sapore piace tantissimo e anche oggi infatti ho postato una ricetta con questa splendida farina, grazie e buona settimana mia cara!

  13. Ecco, mi hai proprio fatto tornare la voglia di riprendere questa farina… 🙂 Ricordo il suo particolare sapore – forte e deciso, mi piace così – e ci vedo bene tanti pesti, per un effetto rustico! Ma intanto, dato che è ora di cena, io mi fermo un po’ qui… 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *