Strudel di zucchine con prosciutto e provola

14 Novembre 2018Elena Valsecchi

Prep time:

Cook time:

Serves:

“Perché è scomparso il piacere della lentezza?

Dove mai sono finiti i perdigiorno di un tempo?

Dove sono quegli eroi sfaccendati delle canzoni popolari,

quei vagabondi che vanno a zonzo da un mulino all’altro e dormono sotto le stelle?

Sono scomparsi insieme ai sentieri tra i campi,

insieme ai prati e alle radure, insieme alla natura?

Un proverbio ceco definisce il loro placido ozio con una metafora:

essi contemplano le finestre del buon Dio.

  Chi contempla le finestre del buon Dio non si annoia; è felice.
(Milan Kundera)”

Mi ricordo di aver già scritto qualche parola sulla lentezza… Per me il mese di novembre è il mese della lentezza per eccellenza, lo definirei per la mia persona il mese più lento e lungo dell’anno… Forse perchè ci addentriamo nell’inverno e nei mesi freddi si cade come in letargo, forse perchè attendiamo il Natale e come sempre aspettiamo con ansia e con stupore.

Forse perchè…. sto diventando vecchia (come dicono i miei figli) o saggia (come mi definisco io 🙂 ) . Fattostà che sono diventata lenta e pigra. In tutto, nelle faccende, nel leggere, nel seguire il blog, sul lavoro (a volte davvero faccio fatica a seguire i ritmi dell’ufficio), nei miei hobby, prima sferruzzavo, cucivo e creavo fino alle ore piccole, ora crollo e mi ritrovo addormentata in poltrona…

Ma forse mi riconosco in quell’eroe sfaccendato di cui parla Kundera che vaga e vaga… E nella mia riflessione penso che sia bello poter avere il diritto di vagare, vagabondare, oziare… Dobbiamo concedercelo un po di più, sia perchè non si hanno più le forze ma a volte anche perchè non ne vale la pena…

E allora prendiamoceli quei 20 minuti di ozio al giorno, sediamoci, apriamo la finestra per far entrare l’aria di novembre, pungente ma lenta, lasciamo che i nostri occhi guardino ma che non si affatichino, lasciamoci abbracciare da questa lentezza che avvolge, perchè io sento a volte di averne bisogno…

E dopo questa intensa riflessione 🙂 ecco la ricetta di oggi, che non è lenta, ma ci permette visto la sua semplicità e velocità di esecuzione, di poterci dedicare alla lentezza nei minuti che rimangono mentre sta cuocendo nel forno :-).

Ricetta perfetta per il mio studente vagabondo che lui sa bene come “vagabondare da un mulino all’altro dormendo sotto le stelle..”

Ingredienti:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare già pronta
  • 4 zucchine
  • Sale e pepe q.b.
  • 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1/2 cipolla a fette
  • 1 hg e 1/2 di prosciutto cotto
  • 100 gr di scamorza affumicata a fette sottile
  • 1 uovo per spennellare
  • Semi di sesamo per decorare

Preparazione:

In una padella fate soffriggere l’olio con l’aglio e la cipolla. Aggiungete le zucchine che avret tagliato a tocchetti e portate a cottura, salando e pepando a piacere. Lasciate intiepidire e cominciare a preparare lo strudel.

Stendete la sfoglia sul piano di lavoro e dividetela mentalmente in 3 parti, nella centrale andrà il ripieno, nelle due laterali che vi serviranno per chiudere lo strudel, fate dei tagli distanziati di 2 cm circa che serviranno per l’intreccio.

Versate nella parte centrale (lasciando qualche centimetro dai due lati corti) uno strato di prosciutto, uno di zucchine e uno di scamorza a fette fino a finire gli ingredienti, l’ultimo strato dovrà essere di prosciutto. Chiudete lo strudel e intrecciate. Spennellate con l’uovo intero sbattuto e cospargete con i semi di sesamo. Cuocete in forno caldo a 210/220° statico per circa 25/30 minuti.

Servite caldo, tiepido o anche freddo è sempre buonissimo!!!!

Ora, prima di farci travolgere dalla magia del Natale, davvero trovate in ogni giorno momenti di meravigliosa lentezza da vivere ♥ vi darà la carica per affrontare i momenti impegnativi della giornata, io l’ho sperimentato!

Print Recipe

Nutrition

22 Comments

  • carla emilia

    17 Novembre 2018 at 19:56

    Non sempre riesco a prendermi quei 20 minuti, ma quando ci riesco è proprio una meraviglia!!! E questo strudel è proprio buono 🙂 Bacione presto

    1. Elena Valsecchi

      19 Novembre 2018 at 13:38

      Ciao Carla, dobbia ricordarci sempre perchè poi stiamo meglio! Un bacione e grazie!

  • Laura De Vincentis

    17 Novembre 2018 at 11:45

    Hai proprio ragione, apprezzo tantissimo la lentezza, una tazza di tè, qualche pagina di un buon libro, stare seduta su una panchina a guardare il lago o semplicemente fuori dalla finestra e la lentezza anche nel cucinare assaporando ogni singolo passaggio. Questo strudel lo faccio spesso anche io, vedo che le zucchine avvolte dalla pasta sfoglia coperte da formaggi e salumi le apprezzano molto! Un bacio

    1. Elena Valsecchi

      19 Novembre 2018 at 13:42

      Laura ma davvero è doveroso prendersi i propri spazi e so che tu come me lo fai spesso 🙂 un bacione e grazie!

  • Chiara

    16 Novembre 2018 at 22:53

    anche per me vale il discorso che hai fatto tu ma io ne ho 60 e sono veramente una vecchietta ! Passami una fetta di strudel che la mangio volentieri ! Un bacione

    1. Elena Valsecchi

      19 Novembre 2018 at 13:43

      Ciao Chiara ma che vecchietta smettila!!!! Sei una bellissima e attivissima donna! Grazie di cuore!

  • ipasticciditerry

    16 Novembre 2018 at 14:16

    Eccolo! Questo è il mio momento di lentezza durante la giornata; quando Gabriele (il mio nipotino piccolo) dorme, dopo aver corso tutta la mattina, preparato il pranzo e riassettato la cucina. Io sono decisamente “vecchia” come dicono i nostri figli. Nella mia testa mi sento sempre la stessa “ragazza” ma il mio corpo mi manda segnali di stanchezza fisica che una volta non provavo. Ma è il corso della vita e dobbiamo accettarlo con serenità, cercando di ricavare i nostri spazi, non solo per riposare, direi io. Ottimo questo strudel di zucchine, goloso e pieno di cose buone. Buon fine settimana Ely, un bacio

    1. Elena Valsecchi

      19 Novembre 2018 at 13:44

      Ciao Terry, immagino la fatica ma anche la tanta gioia dell’essere nonna, cambiano i tempi e cambiano anche i nostri desideri è vero…. Grazie e un grosso abbraccio con l’augurio di una buona settimana!

  • daniela64

    16 Novembre 2018 at 11:47

    Ciao Ely sono anch’io sempre di corsa , e questo piatto è proprio perfetto in certe situazioni, facile , veloce da realizzare e sfiziosissimo . Prendo subito nota della ricetta . Un abbraccio, buon fine settimana , Daniela.

    1. Elena Valsecchi

      16 Novembre 2018 at 12:18

      Ciao Daniela, siamo sempre più affannate mannaggia, questo strudel però è velocissimo!!! Un bacione

  • saltandoinpadella

    15 Novembre 2018 at 21:19

    Allora sto diventando vecchia e saggia anche io 😉 la vita è diventata davvero troppo frenetica, a tal punto da farti sentire in colpa se ti prendi un po di tempo per te. E non va bene, credo che sia giusto se non doveroso dedicarci un po’ di tempo. Rilassarci e fare qualcosa che ci piace davvero, altrimenti poi si diventa cattivi e irritabili. Se potessi mi piacerebbe passare un giorno seduta su quella panchina a leggere un libro. E basta. La vera felicità

    1. Elena Valsecchi

      16 Novembre 2018 at 12:19

      Elena si siamo sempre di corsa, ma io ora ho imparato che non ci sono sensi di colpa, questa panchina è davvero rilassante, grazie e un bacione!

  • LAURA

    15 Novembre 2018 at 9:33

    Buono, buono lo strudel…..per la lentezza, che tanto fa parte della mia natura, resta un grosso problema, spero tanto che prima di diventare “saggia”, riesca a trovare una soluzione anche se già ora mi capita di addormentarmi presto sulla poltrona!!!
    Baci

    1. Elena Valsecchi

      16 Novembre 2018 at 12:20

      Cara Laura, oramai penso che tutte ci addormentiamo in poltrona 🙂 . E’ ancora presto per te, l’essere saggi è priorità degli anziani come me 🙂 . Un bacio grande!

  • Daniela

    14 Novembre 2018 at 21:02

    Uno strudel che amo e mi piace.
    Allora sono saggia anch’io 🙂
    È vero, dovremmo fermarci un po’…. eppure sono lenta, mi fermo spesso ma non abbastanza.
    Un abbraccio e grazie per questo post.

    1. Elena Valsecchi

      16 Novembre 2018 at 12:21

      Dany ciao, ma sai che anche io sono diventata lenta? Prima avevo l’energia per fare tutto in un giorno ora invece lo faccio in tre, ma pazienza 🙂 . Un abbraccio e grazie!

  • zia Consu

    14 Novembre 2018 at 21:00

    Che bella questa lentezza, come vorrei poterla apprezzare e godere al 100% a forse non sono ancora pronta e devo aspettare qualche anno per trovare quest’equilibrio.
    Intanto mi godo questo sfiziosissimo strudel e ti auguro felice giornata.

    1. Elena Valsecchi

      16 Novembre 2018 at 12:22

      Consu sei ancora troppo giovane per la lentezza 🙂 poi ci arriverai credimi! Ora goditi tutta la tua energia! Un bacio e grazie!

  • simona milani

    14 Novembre 2018 at 14:12

    Dovrei far mie queste parole, sono sempre di corsa e per cosa poi?!
    Come hai ragione amica mia!
    Ti abbraccio, rubo una fetta di strudel per assaporarlo in lentezza 😉

    1. Elena Valsecchi

      14 Novembre 2018 at 16:38

      Ciao Simo ne abbiamo appena parlato al telefono e quanto dobbiamo ancora imparare dalla lentezza, ma siamo sulla buona strada amica mia 🙂
      Un bacione e grazie!

  • edvige

    14 Novembre 2018 at 14:06

    Questo è un piatto perfetto per me prendo nota da provare. Grazie e buona giornata.

    1. Elena Valsecchi

      14 Novembre 2018 at 16:39

      Ciao Edvige, è un piatto veloce veloce ma molto molto goloso 🙂 grazie e un bacione grande!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Previous Recipe Next Recipe

Example Colors

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close