Filoncini di pane campagnolo con Li.Co.Li

2 Settembre 2019Elena Valsecchi

Prep time: 6 hours

Cook time: 30 minutes

Serves: 3 filoncini

E finalmente benvenuto settembre, uno dei mesi che preferisco, come vi dicevo nei post precedenti, il mese di Settembre per me è il mese del inizio. Inizio di tante cose, la scuola, il lavoro che riprende con ritmi regolari, i tanti progetti in mente per il blog, per la maglia, per le letture e una nuova consapevolezza in cucina, quella di riuscire a preparare nuove ricette in maniera naturale e consapevole per cercare di comprare il meno possibile.

So che questo è un progetto complicato e non riuscirò a coprire tutte le categorie ma piano piano sia per il pane, che per la pasta, dolci e sughi e marmellate vorrei essere il più “autosufficiente” possibile. Per quanto riguarda il pane, il lievito madre ed il Li.Co.Li davvero sono un aiuto enorme che mi sta dando tantissima soddisfazione.

Impastare è una delle cose che preferisco, mi piace quando ho il tempo necessario, farlo a mano, ma ovviamente un grosso aiuto è l’impastatrice che rende tutto più semplice e accorcia i tempi. Il profumo del pane fatto in casa non ha eguali, è un profumo di casa, di ricordi, di autenticità, un profumo di buono che riempie la casa e mi fa star bene. Senza poi dimenticare che è un pane sano, leggero e più digeribile fatto con il lievito madre o con Li.Co.Li, soprattutto quando usiamo farine di qualità come quelle del Mulino Cazzaniga che è un mulino vicino a casa mia e dove compro le mie farine che sono davvero meravigliose. Prodotti di qualità per un pane di qualità e non è poco.

La farina che ho usato è un mix che ho acquistato proprio li, ed è favolosa, poi nel box con la ricetta vi metto gli ingredienti, un pane profumatissimo che si sposa con tutto, noi lo abbiamo accompagnato con dei pomodorini colti al momento nel nostro mini-orto e del basilico fresco sempre raccolto all’ultimo momento, non vi dico che profumo, poi ho condito con un filo d’olio pugliese e con del fleur de sel che secondo me fa la differenza.

Ho provato vari modi per conservare il pane e devo dire che la migliore a mio parere è, una volta raffreddato congelarlo già tagliato, se si tratta di filoni o pagnotte, oppure in pezzi singoli se parliamo di panini o piccole pezzature. Alla mattina prima di uscire di casa lo tolgo dal congelatore e lo lascio a temperatura ambiente, ed è perfetto, buono, profumato e fragrante 🙂 .

Guardate che buone queste bruschettine improvvisate, fresche e saporite, cosa ne dite? Proviamo a farlo insieme? Per salutare e dare il benvenuto a questo nuovo mese e a tutti i buoni inizi ♥.

 

 

 

Print Recipe

Filoncini di pane campagnolo con Li.Co.Li

  • Preparazione: 6 hours
  • Tempo di cottura: 30 minutes
  • Tempo totale: 6 hours 30 minutes
  • Serves: 3 filoncini

Ho segnato un tempo di preparazione indicativo, perché è molto variabile, dipende dalla forza del vostro Li.Co.Li, e dalle temperature che abbiamo in casa.
Io ho iniziato la preparazione alle 10.00 di mattina e ho cotto alle 16.00 del pomeriggio

Ingredienti:

  • 500 gr mix di farine per pane campagnolo
  • 100 gr Li.Co.Li
  • 480/500 gr acqua , a temperatura ambiente
  • 1 cucchiaino sale fino

Preparazione:

  • 1)

    Vi lascio per prima cosa la composizione del mix di farine per pane campagnolo che ho trovato sull’etichetta del prodotto:

    Farina di grano tenero 0
    Farina di miglio
    Farina integrale di grano duro
    Semi di lino
    Semi di girasoli
    Semi di sesamo
    Fiocchi di orzo e grano
    Germe di grano e mais

  • 2)

    Per prima cosa ho tolto il Li.Co.Li dal frigorifero e l’ho lasciato a temperatura ambiente per almeno 30 minuti, poi l’ho sciolto nella planetaria con un bicchiere dell’acqua totale.

  • 3)

    A questo punto ho aggiunto tutta la farina, l’acqua e il sale e ho impastato fino a quando l’impasto risulti liscio e omogeneo.

    Per la quantità d’acqua vi consiglio di non aggiungerla tutta in una volta, perché dipende dalla temperatura, dall’umidità e dalla capacità di assorbimento della farina. Se avete un po di dimestichezza con gli impasti capirete quando è il momento di non aggiungerne più.

  • 4)

    Ho tolto poi l’impasto e l’ho messo a riposare per circa 30 minuti in una ciotola leggermente oliata. Poi ogni 40 minuti per tre volte ho fatto un giro di pieghe a libro.

  • 5)

    Dopo i tre giri di pieghe, lasciate lievitare l’impasto fino al raddoppio, a questo punto potete formare i filoncini direttamente sulla teglia che andrà in forno o spolverata di farina o rivestita di carta forno.

  • 6)

    Scaldate il forno a 220° statico, con una bacinella piena d’acqua per il vapore e aspettate il momento giusto per informare.

    Ora io per capire quando è il momento giusto uso il metodo dello Zio Tino, il mio zio pasticcere che prende una pallina d’impasto la mette in un bicchiere con dell’acqua fredda e quando viene a galla è il momento di informare. Con me funziona sempre 🙂 .

  • 7)

    Appena prima di infornare formate i tagli con una lametta e infornate per 10 minuti a 220°, togliete la bacinella con l’acqua e continuate a cuocere per altri 25/30 minuti con forno a 190°, gli ultimi 5 minuti con sportello a fessura. Quando è cotto, sfornare e lasciate completamente raffreddare in verticale per far uscire meglio l’umidità.

  • 8)

    Il vostro pane è pronto, la crosta è croccantissima e l’interno morbido e saporito grazie al mix di farine e semi. Un pane davvro sublime!!!

Note:

Come vi ho già scritto sopra, fate attenzione alla quantità d’acqua, deve risultare un impasto liscio e non troppo morbido.

Una volta raffreddato, affettate e surgelate, al momento del bisogno toglietelo dal congelatore e lasciatelo a temperatura ambiente.

Buona panificazione ♥

10 Comments

  • Giovanna

    4 Settembre 2019 at 20:21

    Quanti spunti. Partiamo da settembre. Sono nata in primavera, ma amo l’autunno e questo mese. Il Li.Co.Li voglo provarlo, come te amo panificare. E finiamo in bellezza. Questo pane è FA-VO-LO-SO! Un abbraccio

    1. Elena Valsecchi

      4 Settembre 2019 at 22:29

      Ciao Giovanna, l’autunno è un periodo meraviglioso provalo non potrai farne a meno! un bacione e grazie!

  • Laura De Vincentis

    3 Settembre 2019 at 22:08

    Sono rientrata alla base anche io e come te ho tanti progetti ma le ore della giornata sono limitate, così il mio mezzopunto giace abbandonato da giorni. Peccato! Nei prossimi giorni rifarò il licoli perchè anche io adoro panificare. Quel profumo di pane che si sparge per tutta casa ha un che di magico e fa bene all’anima. E non c’è soddisfazione più grande di avere in tavola un buon pane prodotto da noi. Un bacio

    1. Elena Valsecchi

      4 Settembre 2019 at 16:12

      Laura non mi dici nulla di nuovo, quante cose ho abbandonato e poi ripreso ma il tempo che abbiamo è così risicato mannaggia… la scoperta del Li.Co.Li è stata provvidenziale, una favola per panificare, un bacione e grazie!

  • Mile

    3 Settembre 2019 at 14:07

    Infatti Ely ha un aspetto ME-RA-VI-GLIO-SO! Io ho il lievito madre a casa ma da tanto lo sto solo rinfrescando, non riuscendo a fare qualcosina con un po’ più di tempo dedicato. Stavo sinceramente pensando di convertirlo a Li.Co.Li. che, probabilmente, per la frequenza d’uso forse è più indicato. Tu che dici?
    Grazie!

    1. Elena Valsecchi

      3 Settembre 2019 at 14:50

      Ciao cara, guarda il mio lievito madre solido è bello tosto penso abbia più di 10 anni, poi ad agosto ho provato a creare il Li.Co.Li e devo dire mai più senza, noi siamo in tanti in casa e panifico 3/4 volte a settimana alternandoli, devo dire che mi trovo bene con entrambi anche se il Li.Co.Li è sicuramente più comodo, grazie a te! Buon pomeriggio <3

  • carla emilia

    3 Settembre 2019 at 13:20

    Ciao Ely, carissima, ben ritrovata! Quella bruschettina improvvista farebbe proprio al caso mio… un abbraccio a presto 🙂

    1. Elena Valsecchi

      3 Settembre 2019 at 13:49

      Ciao Carla grazie per la tua visita, una bruschettina molto easy con un gusto favoloso, un bacione e grazie a te!

  • Simona Milani

    2 Settembre 2019 at 18:12

    Brava amica mia, questo è anche uno dei miei propositi…oltre a quello di cercare di amarmi un po’ di più, c’è anche quello di cercare il più possibile di autoprodurre tutto! 😉
    Ce la faremo?!
    Già col pane siamo a buon punto…e quando le materie prime sono di qualità, beh….che altro dire: basta solo lustrarsi gli occhi guardando la delizia di queste bruschettone! slurppppppppp
    baciotto

    1. Elena Valsecchi

      3 Settembre 2019 at 11:51

      Ciao Simo, si hai perfettamente ragione dobbiamo amarci di più, anche con piccole cose. guarda queste farine sono favolose, grazie cara, un bacione!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Previous Recipe Next Recipe

Example Colors

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close