Castagnole alla ricotta sofficissime

Buon lunedì a tutti voi, con l’augurio che questa settimana sia migliore di quella passata, io ho avuto alcuni pensieri che fortunatamente si sono sciolti come neve al sole e parto quindi molto positiva.

Queste castagnole arrivano direttamente dal sito della mia amica Simona, sicuramente tutti la conoscete, è una professionista e le sue ricette sono una certezza. Ne ho provate tantissime e sempre con ottimi risultati! (Non per merito mio, ma la sua bravura si diffonde a chi prova le sue ricette, credetemi 🙂 ). Carnevale è passato ma a noi non importa, ogni momento è buono per mangiare qualcosa di dolce e di buono <3.

Sono piaciute tanto anche a Cody, dovete sapere che avevo quasi finito di formare le castagnole quando suona il telefono, mannaggia, mi pulisco le mani velocemente nel grembiule e rispondo allontanandomi dal piano di lavoro. Finita la telefonata torno alla mia postazione e non trovo più l’impasto per le castagnole, subito penso di averlo appoggiato senza rendermene conto vicino al telefono, controllo, non c’è, poi guardo Cody e vedo che si lecca i baffi soddisfatto, il marrano aveva rubato l’impasto almeno di 5 castagnole e se l’è pappato in un sol boccone!!! Cucciolo goloso, mannaggia a lui <3

Ingredienti per circa 50 pezzi (se non ve le mangia il cane come è successo qui)

250 gr di farina 00
50 gr di fecola di patate o maizena
140 gr di ricotta di mucca sgocciolata
75 gr di zucchero semolato
3 tuorli di media grandezza
40 gr di burro fuso
8 gr di lievito per dolci
Buccia grattugiata di 1 limone
Buccia grattugiata di 1 arancia
1 cucchiaio colmo di Marsala (In origine liquore Strega, o liquore all’arancia)
Olio di semi vari per friggere q.b. (In origine olio di girasole o arancia)
1 bicchiere di zucchero semolato per ricoprire le castagnole.

Preparazione

In una ciotola setacciate, la farina, la fecola di patate e il lievito, fate un buco al centro e aggiungete la ricotta, il burro fuso, i tuorli e il liquore. Mescolate pian piano e incorporate bene tutti gli ingredienti, poi impastate fino a quando il tutto sarà omogeneo e liscio. Coprite con la pellicola e lasciate riposare a temperatura ambiente per circa 20 minuti. Trascorso questo tempo formate le vostre castagnole. In una pentola a bordi alti mettete l’olio e portate a temperatura. Friggete le castagnole e quando saranno belle dorate mettetele su un piatto che avrete ricoperto con della carta da cucina e poi cospargetele con lo zucchero. Lo zucchero semolato non attaccherà molto ma sono buonissime così, se invece volete potete sostituirlo con lo zucchero a velo.

Vi lascio il link della ricetta di Simona dove troverete gli accorgimenti giusti per la frittura.

Quando abbiamo messo in bocca la prima castagnola c’è stato silenzio assoluto, ognuno di noi stava pensando alle nuvole del paradiso, per la sofficità, la morbidezza e la scioglievolezza che queste piccole bontà ci stavano regalando, in estasi ecco come ci si sente dopo averne mangiate una, due o tre, riconciliati con il mondo e con se stessi…

A presto con una nuova ricetta! Cosa sarà? Dolce o salato?

Salva

Salva

34 comments on “Castagnole alla ricotta sofficissime

  1. ahahah… cane goloso! E non stento a credere che siano piaciute anche a lui, sono così appetitose… Persino per me che non amo i fritti. Ho idea che farò uno strappo. Che carnevale sia passato poco m’importa e poi la ricotta è assolutamente primaverile. Lo posso dire? Ste foto mi fanno venire l’acquolina!!! Sono una meraviglia dentro la meraviglia. Ciao, un bacione

  2. La conosco si Simona..è tanto brava.. e pure una dolcissima persona!!!! Che bontà queste castagnole.. immagino al sofficità.. baci e buona settimana :-*

  3. Quest’anno mi sono data abbastanza da fare con le castagnole, devo dire che non le ho trascurate… ma in realtà non accade mai, perchè le adoro e non resisto a non mangiarle! A Roma la ricotta si mette nel ripieno, al posto della crema, ma anche nell’impasto deve stare benissimo… ma shhh, non lo dico ai miei gatti, se no seguono l’esempio del tuo cane! 😛

  4. E bravo Cody!!! Vedo che non solo la mia Dorothy ha sempre appetito 😉
    E chi ha ordinato che le castagnole siano da preparare solo per Carnevale? Ma vanno bene 365 giorni all’anno!!!!
    Un bacio

    1. Ciao Dany guarda è un golosone il mio Cody se potesse mangerebbe tutto quello che preparo 🙂 Hai ragione per i dolci c’è sempre spazio in qualsiasi stagione! Un bacione e grazie <3

  5. Le conosco bene, ne ho anche io una mia ricetta di qualche anno fa, non so se hanno gli stessi ingredienti ma ricordo quanto siano buone e “scioglievoli”. Hai capito Cody che buongustaio? Golosone ♥ Un bacion Ely, buon pomeriggio.

  6. Anche io mangerei crudo l’impasto di queste castagnole, non posso che concordare con Cody!
    Mi piace sempre tanto leggerti mia carissima Ely, mi conforta.
    Seguirò il tuo consiglio e proverò questa ricetta, credo, come te, che non ci sia bisogno di aspettare una ricorrenza in particolare per gustare un buon dolcino.
    Siamo una famiglia ormai irrimediabilmente dipendente dal dolce serale e come immaginerai è colpa solo mia!
    Un abbraccio tesoro

    1. Cara conforta me leggere i tuoi post, in tuo figlio vedo mio figlio e mi consola che ora il tuo sia all’università e se la cavi bene, io sto ancora lottando con il liceo 🙂 Si queste castagnole san da fare, come disse il mitico Manzoni 🙂 Un bacione e grazie di cuore!

  7. Buon intenditore il vispo Cody!!! A veder le foto non ci sono dubbi: devono essere una meraviglia, soffici, leggere e golosissime…..hai ragione non si può aspettare il prossimo Carnevale per gustarle!!!
    Baci

  8. Ecco, il mio problema è che friggo sempre troppo poco mannaggia a me!
    Le vedesse mia figlia….altro che Cody, ahahahaha
    Un bacione cara e buona giornata

    1. Simo ciao, anche io non friggo spesso ma ogni tanto si può fare, ora poi che ho tre finestre a disposizione per il cambio dell’aria è tutta un’altra cosa 🙂 Grazie e un bacione 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *