Pizzoccheri Valtellinesi – Confort Food

Lo so, sono di parte, ma essendo molto vicina alla Valtellina questo piatto è molto spesso sulla mia tavola. Durante le fredde sere d’inverno almeno una volta alla settimana lo preparo, è un vero Confort Food che riscalda le nostre serate fredde e umide, ma lo faccio spesso anche durante tutto l’arco dell’anno. Ultimamente poi il mio amico e collega Antonello, originario della Valtellina mi ha insegnato alcuni trucchetti che hanno reso il piatto ancora più buono e proprio con questa ricetta abbiamo salutato il nostro caro collega Pier che a ottobre dell’anno scorso ha raggiunto l’agognata pensione. Un piatto che si deve consumare in compagnia di persone care e soprattutto accompagnato da un ottimo vino rosso. Un piatto povero che i nostri contadini cucinavano con quello che avevano a disposizione e che l’orto regalava d’inverno, la verza e le patate, sempre presenti, la pasta fatta con il grano saraceno e i formaggi che le malghe mettevano a disposizione, ma proprio per la sua semplicità ha conquistato le cucine di tutto il mondo.

Per conoscere qualche chicca sui Pizzoccheri e sulla loro origine vi invito ad andare sul sito dell’Accademia del Pizzochero di Teglio, luogo d’origine di questo piatto.

Ingredienti per 6 persone (molto affamate)

800 gr di pasta per Pizzoccheri
200 gr abbondanti di Bitto Valtellinese (formaggio dal sapore deciso)
200 gr abbondanti di casera (formaggio cremoso e più delicato)
Formaggio di grana grattugiato a piacere
1/2 verza
3 – 4 patate (dipende dalla grandezza)
3 spicchi d’aglio
Foglie di salvia q.b.
Burro q.b. (abbondate pure)
Pesteda Vis q.b. (condimento Valtellinese per saperne di più andate qui)

Preparazione

Cominciate pulendo le verdure. Tagliate la verza a metà, togliete le prime foglie se sono rovinate e la costa centrale che è dura, sciacquatela sotto l’acqua e poi tagliatela sottilmente. Pelate e lavate le patate e tagliatele a dadini. Mettete sul gas una pentola capiente, deve contenere quasi tutti gli ingredienti, quando l’acqua arriverà a bollore salate e versateci le verdure. Fate cuocere per 5 minuti circa e poi aggiungete la pasta dei Pizzoccheri e portate a cottura. Nel frattempo tagliate il formaggio a tocchetti piccoli (si scioglierà più velocemente) e mettetelo in una marmitta.

Accendete il forno a 200° statico e lasciate scaldare.

Quando i Pizzoccheri sono pronti, scolateli pian piano con una schiumarola seguendo questo procedimento. In una ciotola molto grande e che possa andare in forno mettete uno strato di Pizzoccheri, i dadini di formaggio, il grana e una spolverata di Pesteda. Continuate così fino alla fine. Fate rosolare il burro con gli spicchi d’aglio e la salvia e quando sarà ben dorato versatelo sui Pizzoccheri. Mettete in forno una decina di minuti in modo che il formaggio si sciolga per bene. Mescolate ancora una volta prima di servire e gustatevi questo meraviglioso piatto.

Non voglio entrare nel merito della preparazione, i puristi probabilmente non saranno d’accordo sul procedimento ma a me sinceramente non interessa molto 🙂 questi Pizzoccheri sono davvero meravigliosi e a noi piacciono così. Mi raccomando, accompagnate con un buon vino robusto Valtellinese e assicuratevi che il divano poi sia libero, perché una pennica ci sta da Dio dopo un piatto così!

Vi auguro un sereno felice settimana !

Salva

Salva

46 comments on “Pizzoccheri Valtellinesi – Confort Food

  1. Ely cara, con questa ricetta mi hai riportato ad anni e anni di settimane bianche trascorse a Livigno località che ho nel cuore! Mio papà la preparava sempre anche dopo che tornavamo dalla vacanza e sono anni che non la gusto , ci provo adesso con gli occhi e credimi ne sento il profumo!
    Grazie per questo tuffo nel passato che mi hai donato!
    Un bacione
    Pippi

    1. Pippi ma davvero dalla profonda Toscana venivate fino a Livigno? Da noi sono un piatto di casa sempre gradito e sono felice di averti fatto fare un tuffo gioioso nel passato, sei sempre la benvenuta qui! E chissà mai che prima o poi un giretto sul nostro lago non ti porti fino a me! Un bacione grande e grazie di cuore!

  2. Pensa che lo scorso anno sono stata invitata ad un corso per preparare i pizzoccheri…Ho imparato un po’ di trucchetti, poi però è giusto che ognuno li personalizzi come vuole…Sono Troppo buoni!!!
    Forse poco dietetici, ma …Questa è un’ altra storia, ahaha…;)
    Baci e buon venerdì

    1. Simo, ora vorrei provare a fare la pasta dei pizzoccheri in casa 🙂 e quando si parla di questo piatto la parola dieta non viene mai pronunciata 🙂 Buon venerdì a te amica mia! E grazie 🙂

  3. Ely buongiorno 🙂 Sai che questo è un piatto che mi ricorda tanto la mia infanzia? Lo preparava spessissimo mio papà e lo amavo ( e lo amo) alla follia. Mi credi se ti dico che mi è venuta l’acquolina a quest’ora? Quasi quasi mi invito a pranzo da te 😉
    Ti abbraccio e ti auguro un buon weekend :*

  4. Accidenti…. che meraviglia, Ely, io li adoro, sai? Però non li so fare, lascio queste cose complicate alla mia mamma o al mio fidanzato, che, però, su mia specifica richiesta, omettono le patate (e magari raddoppiano il formaggio)…
    Ci vedi tanto, ma tanto bene un rosso di valtellina <3

    1. Ciao Serena ma sai che sono un piatto semplice e veloce? Davvero 🙂 Sei fortunata perché qualcuno te li prepara, qui devo quasi sempre cucinare io 🙂 Un rosso Valtellina e assolutamente d’obbligo! Un abbraccio grande e buona giornata!

  5. Cosa vedono i miei occhi! Sono cresciuta con una zia di Teglio e molte estati le ho passate proprio lì. E’ stata zia a insegnarmi a fare i pizzoccheri con le dosi a “pugno”. Ancora ad oggi è il mio “confort food”, il mio rito, il mio cavallo di battaglia soprattutto con gli amici toscani. E’ da mesi che non li preparo… e mi mancano! La tua foto mi ha creato una voragine nello stomaco 😛 Un abbraccio

    1. Laura ciao! A quanto vedo i Pizzoccheri fanno tornare bambini 🙂 ne sono felicissima! Noi appena possiamo li facciamo 🙂 E’ anche un piatto veloce da preparare e super super buono! Un bacione e grazie di cuore!

  6. Non soo una gran amante della verza, ma per il resto mi sembrano mooooooolto invitanti e poi adoro il formaggio che fila!!!!
    Brava ed è bello ritrovarti così spesso sul monitor!!!
    Buon venerdì

    1. Ciao Mila, guarda Lucia non ama le verdure in genere ma qui la verza passa in secondo piano se poi si abbonda di formaggio come ho fatto io 🙂 Sono felice anche io di essere qui con voi! Grazie e buona giornata a te! Un bacione

  7. Ognuno ha la sua ricetta di famiglia e giustamente come diceva una vecchia pubblicità: “sono solo fatti miei”! Io li ADORO. Anche io li faccio spesso, più o meno come te. La pasta la faccio io con il grano saraceno, sai quanto mi piace impastare. Niente, mi hai fatto venire voglia e ora devo organizzare la “serata pizzoccheri” saranno felicissimi i miei! Un bacio e buon fine settimana

  8. Io adoro i pizzocheri però il bitto a Trieste nun c’è al caso il solito fontina e nemmeno dop….
    Vediamo cosa potrò trovare.Buona fine settimana.

  9. sono ritornata indietro di tanti anni, ho un bel ricordo della Valtellina e anche dei pizzoccheri, bellissime foto Ely, sembra di tuffarsi nel piatto !Buon we, un bacione

  10. Appena arrivata a Milano, incuriosita dai pizzocheri che vedevo al super, comprai la farina di grano saraceno e li feci, finito il sacchetto non li ho più fatti, mi hai fatto venire l’acquolina….
    Un bacio

  11. Ciao Ely fino a qualche anno fa non conoscevo i pizzicheri poi invogliata da mio marito, che li mangiava spesso in montagna, e con la ricetta di una cara amica siciliana, sposata ad un “nordico” doc, li ho preparat anche se non con i formaggi giusti. Ed il gusto mi ha conquistato e a sorpresa pure i miei bambini, che non amano molto i formaggi, hanno apprezzato il sapore particolare di questo tipo di pasta. Grazie per le tue indicazioni ;). Buona domenica, Luisa

  12. Bellissime le foto e che meraviglia questo piatto che mi riporta con i ricordi alle vacanze in montagna!
    baci
    Alice

    PS Non so se è normale, ma ti volevo informare che quando lasci un commento il link diretto non porta qui ma sul vecchio blog

    1. Ciao Alice, ho visto che questo piatto risveglia l’infanzia di molti di noi, grazie dell’informazione stasera faccio controllare al mio informatico di casa e vediamo come mai! Un bacione

  13. E’ uno dei piatti preferiti di mia madre, quello della domenica in famiglia e anch’io ho imparato ad apprezzarlo immagino che la ricetta dell’accademia del Pizzochero sia perfetta ed in effetti a vederla è bella e invitante quella forchettina messa invita proprio alla presa. Un abbraccio

    1. Ciao Serena si è un piatto di famiglia e da gustare in compagnia 🙂 Io mi sono discostata un pochino dalla ricetta originale ma mi piacciono proprio così! Un abbraccio grande e grazie!

  14. Nel mio podio di primi preferiti ci sono i pizzoccheri, li amo alla follia da sempre e li preparo spesso, io se ho tempo, se no comprati, vado spesso in valle camonica cugina della valtellina e anche lì si mangiano molto molto spesso! mi hai fatto venir voglia! un abbraccio

  15. Anch’io amo tanto i pizzoccheri, mia mamma ce li faceva una volta a settimana. Una volta ha provato a far la pasta, ma è stato un vero disastro ! Mi piace proprio il grano saraceno con la sua rusticità. Non capisco perchè sulla blog roll non mi escono i tuoi post. Eppure ti ho salvato tra i preferiti con il tuo nuovo indirizzo. Ho riprovato, vediamo un po’

    1. Ciao Cristina ho notato che i Pizzoccheri sono una piatto dei ricordi per molti di noi e ne sono felice 🙂 Tranquilla il mondo del web è strano, tu ogni tanto vieni a trovarmi che i ne sono sempre molto felice, un bacione e buona serata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *